Presentazione di APOCALYPSO DISCO – Bologna, 2 Ottobre 2013

Libreria Modo Infoshop
MERCOLEDI 2 OTTOBRE 013, ORE 21

Presentazione del libro APOCALYPSO DISCO 

l’autore ne parla con Graham St. John e Paolo Magaudda 
APOCALYPSO DISCO 
La rave-o-luzione della post techno

un libro di Riccardo Balli (Agenzia X edizioni)

l’autore ne parla con Graham St. John e Paolo Magaudda 

Alla fine degli anni ottanta, l’elemento della musica techno si è imposto come un macrocodice virale sul quale migliaia e migliaia di giovani si sono riconosciuti. Nei due decenni a seguire è avvenuta una fissione nucleare che lo ha scisso in piccoli atomi: il breakcore, l’8bit, la gabber, il mashup, la goa-trance, il mutant dancefloor… 
Una galassia internazionale quasi impossibile da raccontare. Riccardo Balli è nella scena dal suo inizio ed è senza dubbio il maggior esperto italiano in materia. In questo testo analizza le diverse ramificazioni musicali e attitudinali del post rave attraverso racconti orali, remix letterari, interventi visionari e interviste a produttori e protagonisti. L’obbiettivo è puntato sulle dinamiche di carattere politico che hanno generato gruppi d’assalto, situazioni estreme e nuovi stili di vita: speedcore, comunità psy, c8.com, Elevate Festival e il mondo delle chiptune. Una moltitudine di rumori, idee e movimenti il cui suono spurio e trasversale prende il nome di Apocalypso disco.

Riccardo Balli dj-produttore musicale, è il fondatore dell’etichetta Sonic Belligeranza. Ha pubblicato Anche tu astronauta e ha partecipato all’antologia Nubi all’orizzonte. Collabora alla rivista “Datacide” (datacide.c8.com)

Graham St John, antropologo australiano, si occupa di musica dance ellettronica e dirige la rivista Dancecult (www.dj.dancecult.net). I suoi più recenti libri sono Technomad: Global Raving Countercultures (Equinox, 2009) e Global Tribe: Technology, Spirituality and Psytrance (Equinox, Oct 2012). Tra il 2005 e il 2008 Graham ha svolto alcune ricerche sul campo sulla scena musicale psytrance italiana.

Paolo Magaudda è ricercatore in sociologia presso l’Università di Padova e si occupa del rapporto tra musica, tecnologie e processi culturali. Ha scritto Oggetti d’ascoltare. Hifi, iPod e consumo delle tecnologie musicali (Il Mulino, 2012) e curato il numero speciale della rivista “Studi Culturali” (1/2013) dedicato allo studio delle culture sonore.

 

 

"Sapere" Alessandro Delfanti Apple Bologna Books ciga communication conferences consumption Digicult digital culture digital media digital music technologies electronic dance music Gabriele Balbi Graham St John hacking Il Mulino innovation jailbreaking Materiality media studies Milano mp3 music music technologies new media Oggetti da ascoltare Pastis popular culture popular music practice theory Roma Science science and technology Sociologia dei Consumi sociology Sound studies Storia dei media digitali STS sts italia technology Tecnologie Tecnoscienza Trento